Audio

Se avessi a disposizione un’altra vita vorrei essere un compositore.

In un’altra vita avrei l’intelligenza sufficiente per trarre vantaggio dagli insegnamenti, diretti e indiretti, di chi ne sa di più.

In un’altra vita contrappunto, fuga, armonia, orchestrazione e quant’altro non avrebbero segreti per me.

Senza vergogna

In questa vita ho però il – discutibile – vantaggio di essere, per certi aspetti, senza vergogna. Apro il sequencer audio/MIDI animato da una incrollabile certezza: il disastro mi attende.

La mancanza di aspettative è confortante e rendo il processo, basato su innumerevoli tentativi sempre errati, stranamente piacevole.

Confesso che, sporadicamente, ho l’impressione di ottenere un risultato accettabile, ma so che un riascolto a distanza di tempo, anche solo poche ore, spazzerà vie tali incongrue impressioni.

Lunga marcia

Questa modesta parata di sintetizzatore, dall’andamento un po’ sghembo, non è poi così lunga – idealmente potrebbe durare ore, ma mi sono limitato.
Visivamente me l’immagino come una migrazione di strambi animali, grandi e piccoli.

Vertigini

Inverno

Vivaldi e il suo bellissimo «Inverno», si capisce, non c’entrano proprio.

Fentanyl

Pare che il Fentanyl, rispetto ad altri antidolorifici dello stesso tipo, agisca molto rapidamente ma, per contro, sia meno persistente – salvo quando si eccede con il dosaggio, in quel caso gli effetti tendono ad essere definitivi 🙂

Intermittente

Riverberare o non riverberare…

L’ineluttabile

Un bozzetto musicale. Se non altro è breve.

Riprese

Questo brano è stato composto per fungere da colonna sonora di un video, sennonché il video è venuto alquanto noioso, la musica invece… vabbè.

Disturbo bipolare

Non so quante volte, nel corso dei lustri, ho messo mano a questa cosa. Non la finirò mai.

Monodia

Si immagina come un robot senziente, appassionato di musica ma costruito per tutt’altro, potrebbe prodursi in un’estemporanea improvvisazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.